Altri prodotti

 

PAPPA REALE

Lo dice il nome stesso:è un cibo da re. Più propriamente da ape regina, che la consuma per tutta la sua vita, mentre le larve destinate a diventare api operaie, la ricevono solo per tre giorni. Sostanza paragonabile al latte materno, la pappa reale è prodotta dalle ghiandole salivari delle api tra il sesto ed il settimo giorno di vita. Oltre all'acqua, la pappa reale contiene proteine, grassi,zuccheri semplici, ed è ricca di vitamine del gruppo B, la vitamina A, la C, la D, oltre a vari oligoelementi(calcio, rame, ferro, fosforo, potassio, silicio, zolfo) e ormone della crescita. Vero e proprio integratore alimentare, la pappa reale è considerata un alimento stimolante in molte disfunzioni legate all'affaticamento, all'intossicazione e all'invecchiamento dell'organismo. Altamente energetica, migliora il rendimento psichico, combatte la stanchezza cronica, la disappetenza, l'ipertensione, previene malattie e disturbi legati alla terza età, rafforza il tono del muscolo cardiaco. E' utile nel trattamento del diabete e agisce da antibiotico naturale.

PROPOLI

La propoli è costituita sostanzialmente  da secrezioni resinose che le api raccolgono  sugli alberi, mescolandole poi con saliva e cera. Esse si servono di questo materiale per ricoprire le pareti dell'alveare, per chiudere eventuali fori,per riempire le fessure, restringere le entrate, per lucidare le celle prima che l'ape regina vi deponga le uova, nonché per  imbalsamare gli animali invasori uccisi al fine di impedire l'insorgere di processi putrefattivi. La propoli contiene un gran numero di elementi che sono  stati identificati in polisaccaridi, terpeni, acidi aromatici e altri. Sono presenti anche sostanze minerali, vitamine (gruppo B, vitamina A e C.)aminoacidi. E' usata con successo come disinfettante, cicatrizzante, antinfiammatorio, analgesico, antidepressivo, per curare ustioni, varici, foruncolosi e come  rimedio al classico mal di gola. La sua azione principale però è quella antibiotica con effetto batteriostatico: inibisce stafilococchi, streptococchi, ed altri bacilli senza intaccare la flora batterica intestinale. Usata con costanza migliora le difese dell'organismo.        

POLLINE

Si tratta del seme maschile dei fiori che viene trasportato da un fiore all'altro, grazie al vento o, appunto dalle api. Nutrimento di queste,il polline da un punto di vista scientifico, è un alimento completo. Oltre a zuccheri vari, a carboidrati e a proteine, in esso troviamo ben 20 dei 22 aminoacidi essenziali con cui il nostro organismo costruisce le proteine. E' stato calcolato che 100 grammi di polline contengano la stessa quantità di aminoacidi di mezzo chilo di carne. E perciò, 2 cucchiaini da caffé di questa sostanza,sono sufficienti a coprire il fabbisogno proteico quotidiano di un adulto. Nel polline sono presenti tutte le vitamine indispensabili (A; il gruppo B; C; D; E; H; P), una notevole quantità di minerali (potassio, magnesio, calcio, rame, ferro, silicio, fosforo, zolfo, cloro, manganese),l'arginina che si oppone alla sterilità, alla frigidità e all'impotenza; la metionina che favorisce la buona funzionalità del fegato; la lisina che stimola l'appetito e contribuisce alla fissazione del calcio nelle ossa e al rinnovo dei globuli rossi. Il polline influenza l'accrescimento corporeo, agisce migliorando lo stato generale dell'organismo, permette di ritrovare non solo l'appetito ma anche il vigore e la memoria.